il Prugnoso
il migliore amico degli invertebrati
Figlie del disastro

Migliaia sono le piante che in questi giorni di Maggio stanno terminando la formazione della prima "buttata" di ascidi. Ci sono talee speciali di amici speciali, ci sono vecchissime piante acquistate quando avevo 10 anni, ci sono scambi, piante di questo o quel coltivatore, cloni più o meno naturali, ibridi più o meno improbabili. Ciascuna con la sua storia, con la sua identità, il proprio carattere.

E' proprio nella storia peculiare di ciascuna di esse che io costruisco il mio legame e la mia collezione - perchè è la storia che trasforma quella che ad un occhio quasiasi è una pianta a caso nel mucchio in un individuo speciale, riconoscibilissimo, unico.

Tra tutti gli individui di Capo Topo ci sono dei "gruppi" che vengono accomunati da questo o quel tratto di storia in comune. Ci sono ad esempio "quelle di Dean", gruppo di Sarracenie di grandissima bellezza, ereditate da Dean Cook ormai venti e più anni fa, ci sono "quelle di Furio", "le speciali di Andrea", ci sono quella manciata di individui regalatici da Phil durante la prima visita a casa sua, una massa di anni fa, e così via.

Tra questi gruppi ce n'è uno a cui sono particolarmente legato, quello delle "figlie del disastro". Qualche anno fa, quando ho inavvertitamente avvelenato e quasi distrutto totalmente Capo Topo, le prime piante a schiattare totalmente furono le migliaia di seedlings di Dionea e Sarracenia che avevo in serra allora. In realtà sebbene l'acqua velenosa distrusse quasi in toto i semenzai, c'è quel "quasi" di mezzo: tra decine di migliaia di piante secche e distrutte, una manciata, forse un paio di decine di piante sopravvisse... quasi tutte della stagione 2007. Le figlie del disastro appunto. Quelle piante, resistenti, tignose, attaccate alla vita, oggi hanno 4 anni e iniziano a mostrare i denti e i loro veri colori. Ve ne presento due.

In alto a sinistra una S. x moorei di vigore semplicemente unico. Pur essendo "solo" un seedling di 4 anni, oggi è una delle piante più grosse, alte e belle della mia intera collezione.

Sotto, a sinistra, sua sorella, che ha preferito una taglia leggermente minore, ma splendide combinazioni di arancio e rosa sulla cima dell'ascidio, unitamente ad un profumo di uva fragola assolutamente unico




Sempre sopra, altri gruppi di piante "figlie del disastro" ma in un altro senso... sono le semine effettuate DOPO il disastro... prima linea a destra dionee da seme della stagione 2010, nella loro splendida variabilità. Seconda linea, a sinistra seedlings di Sarracenia, stagione 2012 (hanno un mese di vita!). A destra in basso, infine, la fioritura in preparazione di Dionaea che quest'anno promette particolarmente bene.

Ci risentiremo presto, perchè non vedo l'ora di presentarvi altre figlie del disastro... in particolare le flave rosse sopravvissute, impossibilmente belle e uniche...

fabio, 14 May 2012 alle 01:09  1 comment  reads 118961/53796
in Capo Topo.

Di piante mereviglisamente belle ne hai tantissime ed e' vero, ognuna con la propria personalita' debordante. Pero', e' vero, quella "x moorei" lassu' anche lo scorso anno, quando la vidi per la prima volta, mi aveva stordito come una botta di BaYgon sulle vespe. Ma cio' che da veramente un colpo al cuore e' l'intero "rosone" delle sue parenti, le sue sorelle cosi' simili ma cosi' diverse... cacchio che belle Fabio, non ci sono altre parole..

andrea  14 May 2012 alle 15:19
Il tuo nome? (sara' mostrato insieme al tuo commento)
Controllo convalida
Per evitare commenti anonimi, spam e altro, se vuoi lasciare un commento anche se non sei registrato come utente dovrai inserire il codice di convalida qui sopra. In caso contrario il tuo commento non sara' accettato
Scrivi un commento

Search


Last Posts (51)
19/05: Il ballo delle debuttanti (1)
14/05: Figlie del disastro
30/04: CapoTopo 2.0
26/04: Torna il sereno
23/05: La risaia di sarracenie
18/04: Un anno senza fiori
08/03: Meno due settimane al sipario
22/02: Ventun febbraio duemiladieci
03/01: Ricomincio dall'ABC
23/08: Veleno
01/06: Pian'Oro
10/05: Maggio Mistico
26/04: Inchiodato
18/01: Un inverno lungo 58 mesi
14/01: Eppur si muove!
24/07: Ode a 121
14/07: Quattordici giorni
24/06: Novanta giorni
07/06: Pelle
05/06: the Journal v30/2007
28/05: Caramelline per le retine
23/05: EW10
05/05: 4 uomini per 4 pali
03/05: 3 Maggio
01/05: Ancora ospiti
30/04: Il rosso
20/04: Ragni
19/04: Fiori
14/04: Si dia inizio alla mattanza
11/04: Bombus fantomaticus
03/04: L'Armata Brancaleone
09/03: il Cerchio delle Streghe
02/03: Rinvasi...
17/02: Cena Carnivora a Mira
15/02: Plotilda
03/02: Una giornata grigia
29/06: Arriva l'iPhone!
06/05: L'ora delle cinciallegre
11/04: Leggende Metropolitane
19/11: Domenica 19 Novembre 2006
30/10: Zucca
22/08: Satana e' tra noi
21/06: Buone nuove dal deserto
24/04: La nostra Euroflora
18/04: Battaglia di Pasqua (2)
16/04: La Battaglia di Pasqua
03/04: Non esistono piu' le mezze stagioni
30/03: Evoluzione Plotilda
29/03: Aga, Daniela e il MAME
20/03: Il primo incontro
15/01: Vagito

Piante Carnivore
AIPCnet
ICPS

Altre piante
Cactacee e Succulente
Lithops
 

Il Prugnoso e' il diario del Prugnoso, personcina un tempo particolarmente tignosa (oggi meno?) dedita alla coltivazione di piante carnivore.

E' realizzato mediante Miss Plotilda, blog manager realizzato dal suindicato tignoso a inizio 2006.

<  5 July 2020  >
MonTueWedThuFriSatSun
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
 
 
Plotilda Copyright 2006-2008 Fabio d'Alessi  -  Blogs     - 8479524 hits